Imposta di soggiorno Comune di Stresa

Informazioni

Responsabile: Dott. Giovanni Boggi
Responsabile del procedimento: Franca Tondetta
Assessore: Valeria Sala

Tel. 0323.939211
Fax. 0323.939211
segretario@comune.stresa.vb.it
tondetta@comune.stresa.vb.it

Indirizzi posta certificata:
protocollo@cert.comunestresa.it

Sede: Via Principe Tomaso, 55

Lunedì Martedì Giovedì Venerdì dalle ore 10 alle ore 13
Mercoledì dalle ore 10 alle ore 12 * dalle ore 17 alle ore 18
Sabato CHIUSO
 

SI COMUNICA, A SEGUITO SOSPENSIONE DEL CONTRIBUTO DI SBARCO, L'IMMEDIATA APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO PER COLORO CHE PERNOTTANO NELLE STRUTTURE RICETTIVE E NON, COMPRESE LE LOCAZIONI BREVI, SULLE "ISOLE BORROMEE".

SI COMUNICA INOLTRE CHE DAL 1° OTTOBRE 2019 SUL PORTALE WEB DELLA REGIONE PIEMONTE AL SEGUENTE INDIRIZZO: https://www.regione.piemonte.it/web/temi/cultura-turismo-sport/turismo/offerta-ricettiva/locazioni-turistiche E' ATTIVO L'INSERIMENTO DEL MODELLO LT_2018 DI CUI ALL'ALLEGATO H DEL R.R. 4/2018 PER OTTENERE IL CIR.

LE MODALITA' DI ACCESSO SONO SCARICABILI DAL SITO REGIONALE

SI COMUNICA CHE LA GIUNTA COMUNALE CON ATTO N. 170 DEL 09/12/2019 HA CONFERMATO PER L'ANNO 2020 LE TARIFFE DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO VIGENTI NELL'ANNO 2019.

 

ESENZIONE RATA ACCONTO IMU 2020 PER IL SETTORE TURISTICO

 

SI INFORMA CHE L’ARTICOLO 177 DEL RECENTE DECRETO-LEGGE 19 MAGGIO 2020, N. 34 (C.D. DECRETO RILANCIO), NON ANCORA CONVERTITO IN LEGGE, DISPONE L’ESENZIONE DELLA RATA DI ACCONTO IMU 2020 PER ALCUNE FATTISPECIE IMMOBILIARI, APPARTENENTI AL COMPARTO TURISMO, E PRECISAMENTE:

“IMMOBILI RIENTRANTI NELLA CATEGORIA CATASTALE D/2 E IMMOBILI DEGLI AGRITURISMO, DEI VILLAGGI TURISTICI, DEGLI OSTELLI DELLA GIOVENTÙ, DEI RIFUGI DI MONTAGNA, DELLE COLONIE MARINE E MONTANE, DEGLI AFFITTACAMERE PER BREVI SOGGIORNI, DELLA CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE, DEI BED & BREAKFAST, DEI RESIDENCE E DEI CAMPEGGI, A CONDIZIONE CHE I RELATIVI PROPRIETARI SIANO ANCHE GESTORI DELLE ATTIVITÀ IVI ESERCITATE.”

CIÒ COMPORTA CHE L’ATTIVITÀ RICETTIVA DEBBA ESSERE SVOLTA IN STRUTTURE CONFORMI ALLE LEGGI REGIONALI CHE DISCIPLINANO LE ATTIVITÀ RICETTIVE STESSE E, PERTANTO, IL SOGGETTO GESTORE DELL’ATTIVITÀ DEVE ESSERE IN POSSESSO DELLE AUTORIZZAZIONI NECESSARIE ALLO SVOLGIMENTO DELLA STESSA.

NE CONSEGUE CHE LE C.D. “SECONDE CASE” CHE POSSONO ESSERE LOCATE PER BREVI PERIODI DELL’ANNO, QUALORA NON RIENTRINO IN UNA FORMA DI RICETTIVITÀ TURISTICA AUTORIZZATA ED INQUADRATA DELLE LEGGI VIGENTI IN MATERIA PER LE CAV (CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE), NON POTRÀ BENEFICIARE DELL’AGEVOLAZIONE.

IL MODELLO DI ESENZIONE E' SCARICABILE DAL SITO: UFFICI - TRIBUTI - MODULI